Mag 20, 2016 - Senza categoria    No Comments

Nikolaj Vasil’evič Gogol’

nikolajgogol

 

Nikolaj Vasil’evič Gogol’ nacque il 20 marzo 1809 a Velyki Soročynci, villaggio nell’oblast’ di Poltava, allora governatorato russo in territorio ucraino, da una famiglia di piccoli proprietari terrieri. Il padre fu scrittore di commedie in lingua ucraina, mentre la madre aveva una forte personalità, era una donna austera e una fervente religiosa. Gogol’ crebbe a Vasilevka, presso una delle proprietà del padre.

Nel 1829, assunto lo pseudonimo di V. Alov, pubblicò il Ganc Kjuchel’garten, idillio in versi iniziato nel 1827, subito stroncato dalla critica. In reazione alle critiche negative, Gogol’ comprò tutte le copie della rivista su cui era stata pubblicata la sua opera e le bruciò. Partì allora per l’estero, visitò la Germania, specialmente Lubecca e Amburgo nel 1829; durante il suo viaggio incorse in alcune difficoltà economiche che lo costrinsero a chiedere l’aiuto della madre. Tornò a Pietroburgo e si occupò degli immobili pubblici, prima, e dei beni patrimoniali, poi.

Nel 1831 conobbe il poeta Aleksandr Puškin e nello stesso anno pubblicò la prima opera di successo Veglie alla fattoria presso Dikan’ka, e diverse opere: La fiera di Soročincy, La sera della vigilia di Ivan Kupalo, La notte di maggio (o L’annegata) e La lettera smarrita. Nel 1832 pubblicò il secondo volume delle Veglie alla fattoria presso Dikan’ka e, durante un suo soggiorno a Mosca, conobbe molti intellettuali quali Michail Petrovič, Sergej Timofeevič Aksakov e Michail Nikolaevič Zagoskin. Nel 1834 fu nominato Professore aggiunto di Storia (tratta specialmente quella ucraina) all’Università di Pietroburgo.Nel 1835 pubblica gli Arabeschi, La prospettiva Nevskij, Il ritratto e Mirgorod, una raccolta di racconti in due parti; inoltre “per motivi organizzativi” non gli fu rinnovato l’incarico di Professore (attività in cui, comunque, non eccelleva e che non gradiva particolarmente. Le sue lezioni erano definite «noiose» dagli allievi, e lo stesso Gogol’ disse: «ignorato sono salito sulla cattedra, e ignorato ne discendo»), così, nel 1836, si dedicò febbrilmente alla produzione di racconti, pubblicati sul Sovremennik (Il contemporaneo). Tra questi racconti spiccano: Il calesse, Il mattino di un funzionario, Il Revisore e l’articolo Della letteratura nelle riviste del 1834-1835. Benché accolti favorevolmente da una piccola parte della critica (tra cui vi era Belinskij), specialmente Il Revisore viene attaccato dalla maggior parte dei critici, in particolar modo da quelli schierati politicamente a sinistra. In aprile va in scena L’Ispettore Generale, che costituì uno snodo importante nella sua vita. Deluso infatti per il magro successo della commedia a Pietroburgo, al quale comunque fece da contraltare il buon responso moscovita, Gogol’ decise di mettersi in viaggio verso l’Europa, dove soggiornò a lungo.

Gogol’ comincia la stesura del primo volume de Le anime morte verso la metà del 1835 e finisce alla fine del 1841. Il libro esce nel maggio del 1842, con il titolo Le Avventure di Čičikov. Il cambiamento del titolo e qualche altra modifica erano stati imposti dalla commissione di censura di Pietroburgo, dopo che quella moscovita (alla quale Gogol’ aveva sottoposto, in un primo momento, il manoscritto) non aveva concesso il visto, dal momento che l’anima è immortale e perciò non possono esistere anime morte.

Le anime morte:

È un’opera davvero tormentata, incompiuta a causa della prematura morte dell’autore. L’opera risulta essere un realistico e preciso dipinto della Russia contadina e zarista, tutta imbrigliata in un complicatissimo apparato burocratico ereditato dalle riforme di Pietro il Grande. L’intenzione dell’autore era quella di realizzare, più che un romanzo, un vero e proprio poema: affascinato e colpito in modo eccezionale dalla lettura di Dante durante il suo soggiorno in Italia, Gogol’ voleva realizzare un’opera in tre libri, tutta improntata a vero spirito russo. Essa infatti contiene in sé veri e propri momenti lirici enfatizzati dal romanticismo di Gogol’. Il realismo di Gogol’, con un’ironia di stampo “petroniano”, raggiunge livelli mai visti prima.

Gogol’ brucia il manoscritto della seconda parte di “Le anime morte”, dipinto di Repin, 1909

A ragione Dostoevskij individuerà in lui il padre della letteratura russa che tanto successo ebbe nella seconda metà dell’Ottocento. Il romanzo presenta una sfilza di personaggi provenienti da ogni classe sociale, privi di ogni spirito etico, tutti protesi verso piaceri e ricchezze: la cultura europea aveva grandemente influenzato il modo di vivere dei russi. Tale aridità spirituale si concretizza nel commercio delle “anime morte” da parte del protagonista Čičikov con il fine di arricchire i propri possedimenti, privilegio riservato a chi dimostrava di avere un certo numero di servi della gleba.

Ancora una volta richiamando Petronio, si può dire che solo attraverso una commedia satirica Gogol’ permette al lettore di trovarsi faccia a faccia con questa realtà eticamente spoglia, in tal modo evidenziandone tutti i guasti e i difetti.

Mag 20, 2016 - Senza categoria    No Comments

Letteratura Russa Antica&Moderna

 

 Letteratura  Russa Antica

 Proviene principalmente dalla Rus’ di Kiev ed è prevalentemente rappresentata dalla traduzione in paleoslavo di letteratura bizantina, soprattutto religiosa e generalmente anonima.

Si considera punto di partenza della letteratura russa il componimento Discorso sulla Legge e sulla Grazia, risalente all’XI secolo per opera di Ilarione di Kiev.

Il modello annalistico bizantino viene utilizzato per le poche opere scritte in russo antico che ci sono note:

il racconto del Pellegrinaggio in Palestina del priore Daniil Palomnik (1107);

le Cronache kijeviane rielaborate dal monaco Nestor nel 1113 con il titolo di Cronaca dei tempi passati, e successivamente da Silvestr’ l’anonimo Canto della schiera di Igor da cui Aleksandr Borodin trasse il libretto della sua opera Il Principe Igor, la più nota del periodo, il cui manoscritto fu pubblicato per la prima volta nel 1800.

Il racconto in lingua slava poggia sulla tradizione orale delle byliny, canti epici nel cui racconto si stratificarono, lungo i secoli, tradizioni pagane, memorie tribali e influenze della letteratura cristiana bizantina. Questi racconti furono diffusi dai cantastorie in tutta l’area slava fin dall’XI secolo, e solo dall’inizio del XIX secolo cominciarono a circolare in forma scritta, divenendo poi oggetto di appassionati studi filologici.

 

puskin opere 2b_ 640

 

Letteratura Russa Moderna

La scrittura in russo moderno si afferma solo nel XVII secolo. Se ne considera punto di partenza l’autobiografia del pope Avvakum (moscovita, vescovo tradizionalista morto nel 1682, martire dei conflitti religiosi scatenati dalle riforme del patriarca di Mosca Nikon). Sotto l’influenza di Pietro il grande il paese si occidentalizza. L’uso del russo è facilitato dalla riforma dell’alfabeto cirillico e questo consente l’accesso alla cultura ad un maggior numero di persone, che trova assai apprezzabile l’idea di utilizzare una lingua profana popolare per la letteratura.

La prima generazione letteraria russa compare all’inizio del XVIII secolo, ed è rappresentata da autori come Antioch Dmitrievič Kantemir, (Costantinopoli 1708 – Parigi 1744), Vasilij Kirillovič Tredjakovskij (Astrachan’ 1703 – San Pietroburgo 1768) e Michail Vasil’evič Lomonosov (1711 – 1765), poeta e scienziato, fondatore nel 1755 a Mosca della più grande e antica università russa.

Gavriil Romanovič Deržavin (1743-1816) per la poesia, Aleksandr Petrovič Sumarokov (San Pietroburgo 1717 – Mosca 1777) e Denis Ivanovič Fonvizin (1746-1792), per il teatro, sono coloro che inaugurano generi letterari fino ad allora inesistenti. Nikolaj Michajlovič Karamzin (1766-1826) e Aleksandr Nikolaevič Radiščev (1749-1802) sono i principali sentimentalisti russi. Il Classicismo, all’inizio del XIX secolo, è rappresentato da Ivan Andreevič Krylov (favole), da Aleksandr Sergeevič Griboedov (teatro), e da Vasilij Trofimovič Narežnyj (prosa).

Mag 17, 2016 - Senza categoria    No Comments

Giacomo Leopardi è il suo infinito

Leopardi,_Giacomo_(1798-1837)_-_ritr__A_Ferrazzi,_Recanati,_casa_Leopardi

 

 

Il conte Giacomo Leopardi, è ritenuto il maggior poeta dell’Ottocento italiano e una delle più importanti figure della letteratura mondiale, nonché una delle principali del romanticismo letterario; la profondità della sua riflessione sull’esistenza e sulla condizione umana di ispirazione sensista e materialista ne fa anche un filosofo di notevole spessore. La straordinaria qualità lirica della sua poesia lo ha reso un protagonista centrale nel panorama letterario e culturale europeo e internazionale, con ricadute che vanno molto oltre la sua epoca.

Leopardi, intellettuale dalla vastissima cultura, inizialmente sostenitore del classicismo, ispirato alle opere dell’antichità greco-romana, ammirata tramite le letture e le traduzioni di Mosco, Lucrezio, Epitteto ed altri, approdò al Romanticismo dopo la scoperta dei poeti romantici europei, quali Byron, Shelley, Chateaubriand, Foscolo, divenendone un esponente principale, pur non volendo mai definirsi romantico. Le sue posizioni materialiste – derivate principalmente dall’Illuminismo – si formarono invece sulla lettura di filosofi come il barone d’Holbach, Pietro Verri e Condillac, a cui egli unisce però il proprio pessimismo, originariamente probabile effetto di una grave patologia che lo affliggeva (forse la malattia di Pott o tubercolosi ossea della colonna vertebrale) ma sviluppatesi successivamente in un compiuto sistema filosofico e poetico:

Il dibattito sull’opera leopardiana a partire dal Novecento, specialmente in relazione al pensiero esistenzialista fra gli anni trenta e cinquanta, ha portato gli esegeti ad approfondire l’analisi filosofica dei contenuti e significati dei suoi testi. Per quanto resi specialmente nelle opere in prosa, essi trovano precise corrispondenze a livello lirico in una linea unitaria di atteggiamento esistenziale. Riflessione filosofica ed empito poetico fanno sì che Leopardi, al pari di Schopenhauer, Kierkegaard, Nietzsche e più tardi di Kafka, possa essere visto come un esistenzialista o almeno un precursore dell’Esistenzialismo.

Qui di seguito troviamo L’infinito,  il primo “idillio” leopardiano.

L’infinito è una delle liriche fondamentali dei Canti di Giacomo Leopardi. Il poeta la scrisse negli anni della sua prima giovinezza a Recanati, sua cittadina natale, nelle Marche. Il poeta si trova davanti a una siepe sul monte Tabor, meta frequente delle sue passeggiate solitarie, ed è portato a vederla come simbolo di tutto ciò che è limitato nell’esperienza e nella conoscenza umana,oltre che implicitamente come simbolo della sua stessa vita che trascorre soffocata in quel piccolo centro di provincia. . L’infinito è un componimento di pura immaginazione,cioè di creazione intuitiva e fantastica,senza le riflessioni ideologiche “ sulla Natura e sulla condizione dell’uomo”. Le stesure definitive risalgono agli anni 1818-1819

 

« Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare. »

 

 

Mag 11, 2016 - Senza categoria    No Comments

I Promessi Sposi

1397820097068radio

 

 

L’aspirazione del Manzoni a un’arte veramente popolare , che desse lo spazio dovuto alla categoria degli umili e degli oppressi, fornendo insieme una profonda lezione di moralità, trova il pieno raggiungimento nel romanzo.

Mentre all’estero il genere letterario ” romanzo” conosceva da tempo una larga fortuna , in Italia veniva disdegnato dai più come un sottoprodotto  letterario. Il Manzoni, con un atto di grande coraggio, scelse di scrivere un romanzo come opera di maggiore impegno, una volta convintosi che la prosa narrativa aveva in sé grandi possibilità di interessare, e quindi educare, u vasto pubblico.

Gli giovò la lettura dei romanzi storici dell’inglese Walter Scott( 1771- 1832), in particolare Ivanhoe, in quanto gli offrivano un percorso nuovo per l’unione di storia e fantasia, in una prospettiva e in uno spazio ben più ampi di quanto potesse ottenere con un’opera teatrale.

Dopo una prima stesura dal 1821 al 1823 con il titolo Fermo e Lucia ,il Manzoni attese al totale rifacimento del romanzo, che pubblicò nel 1827 con il titolo I Promessi Sposi ( titolo sostituito ,mentre il libro era in corso di stampa, al precedente Gli sposi promessi ) . Esaurita la fase creativa, lo scrittore dedicò circa quindici anni alla revisione linguistica dell’opera.

L’edizione definitiva venne pubblicata a dispense tra il 1840 e il 1842. I Promessi Sposi sono dunque il risultato di una fatica sfibrante del Manzoni, che vi profuse tutte le energie senza risparmio , dagli scrupolosi studi storici all’ideazione, alle due stesure che comportarono tagli rifacimenti, per arrivare alla totale rielaborazione linguistica.

Il romanzo prende avvio dall’impedimento del matrimonio di due filari di seta, Renzo Tramaglino  e Lucia Mondella, ad opera di Don Rodrigo, un signorotto prepotente e spregiudicato che ha facile presa su Don Abbondio, il parroco che dovrebbe celebrare le nozze. Una  storia assai complicata come è  già nota  a tutti i lettori del romanzo.

 

Mag 9, 2016 - Senza categoria    No Comments

Johann Wolfgang Goethe

1435554294-0-il-viaggio-in-sicilia-di-goethe-tra-classicita-e-modernita

Nato a Francoforte nel 1749 deceduto a Weimar. Goethe, il più grande poeta tedesco e uno dei geni universali di tutti i tempi. La formazione artistica iniziale di Goethe avviene nel clima di quello che è il  primo anticipatore del Romanticismo, lo Sturm und Drang (Tempesta e Assalto).  Costituito per lo piu’ da giovani, questo movimento coltivava il gusto della poesia popolare e si batteva per il rinnovamento del teatro, con l’abbandono delle regole classiche per dare libero sfogo alla creativita’ del “genio” che obbedisce solo a se stesso. Ma sul piano pratico i giovani intellettuali dello Sturm und Drang  non ottennero molto, anche perche’ non avevano idee molto chiare, mentre nel campo artistico  e letterario fondarono le premesse teoriche del Romanticismo, che sorgera’ alla fine del secolo appunto in Germania. Uno dei meriti maggiori dello Sturm und Drang consiste senz’altro nell’aver favorito la maturazione giovanile di Goethe.

 CANTO DEGLI  SPIRITI SOPRA L’ACQUA. Questa poesia rappresenta una similitudine che il grande Goethe crea tra l’acqua e l’anima umana.

L’anima dell’uomo

somiglia all’acqua;

essa viene dal cielo,

al cielo sale,

e di nuovo ritorna

sulla terra,

perennemente cangiando.

Sgorga dall’alta

scoscesa roccia

il limpido raggio,

poi ondeggia dolcemente

sul sasso levigato

in una nube di pulviscolo

e, morbidamente accolto,

fluttua come in un velo,

dolce mormorando,

giu’ nel profondo.

Anche se le pietre

s’oppongono alla sua caduta,

furioso spumeggia

di balza in balza

verso l’abisso.

Nel piano letto

s’insinua a valle nella prateria,

e nel placido lago

si deliziano del loro viso

tutti gli astri.

Il vento e’ dell’onda

leggiadro amante;

il vento mescola fino in fondo

l’onde spumeggianti.

oh, come tu somigli all’acqua,

anima dell’uomo!

oh, come tu somigli al vento,

destino umano!

Mag 5, 2016 - Senza categoria    No Comments

L’imperatore innamorato

Mi sono ritrovata a leggere questa lettera d’amore scritta da Napoleone alla sua amata. Nella letteratura sono presenti moltissimi personaggi celebri alle prese con l’amore. Ma questa lettera scritta un mattino del 1795 è degna senza dubbio di un’abile scrittore.

 

“Mi sveglio colmo di te. Il tuo ritratto e il mio ricordo dell’ inebriante serata di ieri

non hanno concesso riposo ai miei sensi. Dolce e incomparabile Josephine,

che strano effetto voi fate sul mio cuore! Siete adirata? Siete triste?

Siete inquieta? L’animo mi si spezza dal dolore, e non v’è tregua per 

il vostro amico.. Ma ve n’è ancora meno per me quando, consegnandovi 

al sentimento profondo che mi domina, attingo dalle vostre labbra,

dal vostro cuore, la fiamma che mi arde.

Questa notte ho capito pienamente che voi non siete il vostro ritratto!

Tu parti a mezzogiorno, ti vedrò fra tre ore. Nell’ attesa, mio dolce amor

accogli un migliaio di baci: Ma non restituirmeli, poiché il mio sangue ne brucerebbe.”

-NAPOLEONE BONAPARTE-

napoleone_iloveelba-720x340

Mag 4, 2016 - Senza categoria    No Comments

La letteratura nei film di Woody Allen.

1437036950_woodyallen_wired2

 

 

Il cinema di Woody Allen è fatto in gran parte di se stesso: la sua città, le sue tematiche  esistenziali, in poche parole la sua personalità, trasportata in personaggi che lo identificano appieno o che riflettono parte delle sue ipocondrie. Salvo alcune eccezioni (mi viene in mente Criminali da strapazzo o Prendi i soldi e scappa), la middle class è quasi sempre assente, il contesto è quello degli ambienti intellettuali e artistici. Del perché o dell’efficacia di queste scelte si dovrebbe discutere su un ‘idea cinema’ ! Quello che ci interessa è il risvolto letterario della questione.

Considerando le loro inclinazioni (o le loro velleità), i personaggi di Woody leggono! E sono libri che spesso contribuiscono a caratterizzarli. Andando in ordine sparso, prendiamo il protagonista di Match Point, che già all’inizio del film vediamo assorto nella lettura di Delitto e Castigo. ‘Qualche volta gli innocenti vengono trucidanti per un disegno più grande’ dichiara rivolto alle sue vittime, nel momento onirico finale. Che guarda caso è la sintesi della filosofia del protagonista del libro Dostoevskiano, dalla quale però il regista prende le distanze, assumendo nella conclusione un approccio ben più fatalista.

-New York è una città morente, non hai mai letto ‘Morte a Venezia’?
-Ma se non lo hai letto finché non te lo regalai io.
-Si, tu mi regali solo libri con la parola morte nel titolo!
Sono battute prese da Io e Annie. La Venezia descritta da Thomas Mann è una città estraniante, in grado di esaltare lo spirito come di annebbiare la ragione. Difficile il paragone con la città feticcio di Allen; ciò non esclude la tendenza comune in entrambi i personaggi ad essere legati e influenzati quasi morbosamente dal contesto urbano nel quale sono inseriti.’ Sei innamorato di New York: sei un’isola!’

Ancora opere letterarie, questa volta in poesia: Elliot, protagonista di Hannah e le sue sorelle, regala a sua cognata -della quale è segretamente innamorato- un libro di E.E. Cumming. Gli consiglia una pagina in particolare, quella che corrisponde alla poesia ‘ il tuo più tenue sguardo ’. Se la conoscete, capirete che una dedica del genere non può che portare a un epilogo!

Ricordiamo in Manhattan un depresso Woody che, disteso su sofà, elencando a voce alta i motivi per cui vale la pena vivere, ricorda tra questi l’Educazione sentimentale di Flaubert! Oppure nel paradossale Amore e Guerra, film che già dal titolo evoca l’ambientazione zarista, è emblematico un dialogo composto da titoli di libri di Tolstoj e Dostoevskij messi insieme per creare uno scambio di battute quasi sensato.
Fino ad arrivare all’omaggio per eccellenza, vale a dire quel Midnight in Paris nel quale lo scrittore protagonista (è pieno scrittori o aspiranti tali nei suoi film!), ritorna indietro nel tempo per scoprire la Parigi della generation perdue e incontrare tutti i suoi idoli: Hemingway, Fitzgerald, Ezra Pound, la Stein, ecc

 

Mag 1, 2016 - Senza categoria    No Comments

LA LINGUA DEGLI SCRITTORI NELLA PRIMA METÀ DELL’OTTOCENTO.

1452671355-manzoni2

 

Una lingua per scrivere e una per parlare. Nella prima metà del secolo scorso gli scrittori e gli uomini di cultura adoperavano certamente l’italiano,ma si trattava di una lingua che il vasto pubblico della media borghesia non capiva o capiva poco. Infatti, l’italiano di allora era la lingua delle letteratura, modellata fondamentalmente sull’uso dei grandi scrittori del passato, i quali avevano sempre scritto,fatte poche eccezioni per un pubblico ristretto di intenditori. Non esisteva una lingua italiana comune,cioè parlata e capita da tutti. Gli stessi scrittori nelle conversazioni con i familiari e con gli amici parlavano il dialetto delle loro città,come accadeva al Manzoni, ad esempio il quale abitualmente parlava il milanese.Ad un certo punto si sente l’esigenza di usare una lingua comune proprio come avevano fatto già in precedente altri paesi cui la Francia,Spagna,Germania, Inghilterra.Tra le varie proposte avanzate ebbe la meglio quella di Alessandro Manzoni,secondo il quale il modello da seguire per giungere alla formazione di una lingua nazionale,doveva essere “ il fiorentino parlato dalle persone colte”. Perché questa scelta? Senz’altro dovuta dal fatto che era sempre stata considerata per ragioni storiche e culturali.

Apr 29, 2016 - Senza categoria    No Comments

Filosofia ellenistica.

letteratura-greca-epicuro_59d45220a83d6ec65135d01a700439f5

                                                                                                                                                              “Parla al momento giusto.” -Biante-

 

 

Ciò che caratterizza tutte le nuove filosofie è la preminenza dell’etica, e del ruolo centrale occupato dall’ευδαιμονία: causa principale è la perdita dei punti di riferimento, dovuta alla mancanza di partecipazione nel governo dello Stato, ormai monarchico. In realtà la crisi comincia molto prima, con la guerra del Peloponneso, e con le crisi del platonismo e dell’aristotelismo nelle stesse scuole d’origine. Il ritorno a Socrate viene praticato dal cinismo, fondato da Antistene, anche se più probabilmente si tratta di Diogene. Questa filosofia prende il nome dall’epiteto del cane, attribuito a Diogene per il suo stile di vita e la sua indole; principi fondamentali sono: l’autosufficienza (αυτάρκεια), la distanza dai bisogni e l’indifferenza (αδιαφορία) attraverso l’esercizio e la fatica.Particolare forma letteraria è la diàtriba (di cui inventore sarebbe Bione di Boristene), breve esposizione di un concetto o di un problema di pratica morale tale da attrarre l’attenzione degli ascoltatori: un tipo particolare di componimenti di questo genere sono quelli di Menippeo di Gàdara, caratterizzati da una fantasiosa vivacità e da una grande capacità inventiva. Lo scetticismo, dalla parola greca omonima per “riflessione”, indica una posizione che esprime dubbio o sfiducia nella possibilità umana di conoscere: creatore è Pirrone di Elide, influenzato dall’esperienza del mondo orientale. Bisogna giungere all’astensione cioè all’αφασία, per arrivare all’atarassia, e dunque alla felicità. Zenone di Cizio fonda invece lo stoicismo, che prende il nome dalla Stoà Pecile (Stoà Poikìle), il portico affrescato a nord dell’agorà di Atene. Unione di varie concezioni e dottrine filosofiche, l’elemento che unifica tutto ciò è il concetto di Logos, la ragione universale che costruisce l’essenza del cosmo, identificabile con il Dio supremo, Zeus: è anche il fondamento della vita morale.Posidonio in seguito sviluppa il concetto di simpatia universale, un rapporto di interrelazione reciproca fra tutti gli elementi del cosmo. L’epicureismo prende il nome dal suo omonimo fondatore: l’idea centrale è quella del piacere negativo, come assenza di dolore e turbamento (αταραξία), un piacere catastematico, ossia derivato dal prefetto equilibrio degli atomi tanto del corpo quanto dell’anima. Il piacere è dunque conseguibile attraverso quattro proposizioni, dette tetra farmaco: il piacere è facilmente perseguibile, il dolore è facilmente sopportabile, la morte non è niente per l’uomo, gli dèi non sono da temersi. Insieme a ciò, coerentemente, rimane il distacco dalla vita politica; introduce anche, rispetto all’atomismo antico, l’idea della deviazione, il clinamen di Lucrezio, che permette l’incontro-scontro degli atomi che provoca il nascere e perire di tutte le cose. Altre due scuole importanti sono l’Accademia e il Peripato.

Apr 23, 2016 - Senza categoria    No Comments

Dislessia.

“Dislessia, stimolazione cerebrale per migliorare capacità lettura”

  La tecnica è stata sperimentato con successo dai ricercatori italiani del Bambino Gesù

Grazie a una tecnica non invasiva di stimolazione cerebrale, le capacità di lettura dei bambini dislessici potrebbero migliorare velocemente. La procedura, infatti, consente di raggiungere in un mese e mezzo i progressi che senza terapia si conseguono in un anno. Lo spiegano, in uno studio pubblicato sulla rivista Restorative, Neurology and Neuroscience, i ricercatori di Neuropsichiatria infantile dell’ospedale pediatrico “Bambino Gesù” di Roma, che hanno condotto la sperimentazione in collaborazione con il Laboratorio di Stimolazione cerebrale della Fondazione Santa Lucia di Roma. Gli autori evidenziano che sei settimane di trattamento hanno permesso di aumentare fino al 60% la velocità e l’accuratezza di lettura dei ragazzi.In Italia la dislessia colpisce circa il 3% dei bambini in età scolare. Si tratta di un disturbo di natura genetica, biologica e ambientale, che ostacola la capacità di lettura. Precedentemente è stato rilevata, nel cervello dei soggetti che ne sono affetti, la presenza di aree ipoattive o dal livello di attivazione alterato. Gli studiosi italiani, quindi, hanno deciso di sperimentare su pazienti dislessici, una tecnica di stimolazione cerebrale già impiegata per trattare disturbi come l’epilessia focale o la depressione.

 

 

bimbi-che-leggono

Pagine:«12345678»